Cosa cambia con il successo dei tablet rispetto a ierilaltro? È vero che il web è moribondo, ed entriamo nella Post PC Era? Ho provato a scriverne per il blog di K.com

Alzi la mano chi di voi ha ordinato un iPad2 e lo sta ancora aspettando. Lanciato da più di un mese sta replicando il successo di vendita del primo modello, aumentando ancor di più la diffusione dei tablet a discapito dei vecchi portatili. Si comincia a sospettare che non sia una moda passeggera, ma una vera rivoluzione destinata a modificare i nostri comportamenti.

Oltre alle caratteristiche dello strumento, non così diverso da un tradizionale netbook, c’è un aspetto che merita qualche riflessione più approfondita. L’iPad ha reso ancora più familiare l’uso delle Apps, apparentemente anche a discapito del web tradizionale. Le applicazioni presentano alcuni vantaggi, ma sono veramente destinate a far morire il web? Leggi il seguito di questo post »

Annunci

Ho scritto ancora una cosa per iMilleMag.

Cinecittà chiude? No, ma non esiste più quella che pensate voi. Gli studios oggi sono privati e stanno diventando un parco a tema.

Foto: Scott duncan

Negli ultimi tempi si è alzato un gran polverone sulla presunta prossima chiusura di Cinecittà. Questo argomento è stato anche uno dei tanti argomenti avanzati per chiedere, ed ottenere, il reintegro del FUS, i fondi per lo spettacolo che permettono l’attività del Ministero dei Beni Culturali e delle società controllate.

Come al solito il giornalismo italiano non ha chiarito né il fatto che la Cinecittà di cui si parlava non è quella che viene in mente a tutti, né quali fossero le risorse richieste e l’utilizzo che ne viene fatto. Cerchiamo di vederlo qui. Leggi il seguito di questo post »

Foto di m4tik

Un altro articolo sul cinema che ho scritto per iMilleMag.

Il FUS per il settore cinematografico è spesso al centro di polemiche che spaziano dai tagli che subisce ai beneficiari dei contributi. Poco importa di quali cifre si parli o di come vengano spese, meglio parlare di quella volta che venne finanziato “mutande pazze” o del premio per gli incassi a “Vacanze sul Nilo”.

Proviamo a leggere la relazione del MiBAC (Ministero dei Beni Artistici e Culturali) per il 2008. Curiosamente quella per il 2009 non è ancora pubblicata sul sito, e comunque riguarderebbe film in gran parte ancora non usciti in sala.

Prima cosa che colpisce è che si parla in totale di 91 milioni di euro, non una cifra che faccia impennare il debito pubblico. E comunque scordatevela tanto si è dimezzata. Leggi il seguito di questo post »

Foto di Peter E. Lee


Posto anche qui il mio primo articolo per iMilleMag, lì l’hanno titolato Cinema italiano. I ritardi della politica. Molto correct.

Tax credit e Tax Shelter cinematografici: un caso di buona politica, in cui si porta innovazione in maniera bipartisan, ma con i consueti risvolti negativi che non ci facciamo mai mancare.

Tax Credit e Tax Shelter hanno seguito un curioso cammino legislativo, e potrebbero essere un caso di buona politica bipartisan. Basti dire che fra i maggiori sponsor ci sono stati da una parte Rutelli e Bordon e dall’altra Carlucci e Barbareschi (!).

Le norme sono state introdotte nella finanziaria 2008 [1] dal Governo Prodi, ma erano già previste dell’articolo 1, comma 338 , della legge 244/2007 del precedente Governo Berlusconi. I decreti attuativi [2] sono arrivati nel luglio 2009, dopo il nuovo cambio di governo, e dopo che in un primo momento avevano subito il tipico taglio di Tremonti al Ministero di Bondi. Leggi il seguito di questo post »

da oggi è nuovamente online il sito de iMille.

non più movimento politico come nei quattro anni passati, ma uno spazio aperto per chi pensa che la politica, sia una attività nobile attraverso la quale operare per la difesa e la promozione di interessi e valori.

un blog che non racconterà le cose per il gusto di farlo, ma per il gusto di cambiarle, e dove ogni tanto scriverò anch’io.

buona lettura!

clicka qui!

Tweet

Categorie

La barca estinta