You are currently browsing the category archive for the ‘politica’ category.

Altro articoletto per Luminosi Giorni.

Puntuale come l’actv, arriva anche quest’anno la notizia che il Comune intende privatizzare il Casinò; da anni sembra che sia una opzione considerata favorevolmente da tutte le parti politiche.

Ne avevo già scritto un paio di anni fa quando lo proponeva Cacciari e la cosa era stata ventilata in campagna elettorale sia da Brunetta, anche se in una forma alquanto bizzarra; sia, a denti stretti, dallo stesso Orsoni che aveva parlato a più riprese di ridurre il numero di società gestite in prima persona dal Comune pur senza citare direttamente il casinò. Leggi il seguito di questo post »

Annunci
foto ::©::

foto ::©::

Ho iniziato a scrivere per una nuova rivvista online: Luminosi Giorni (che poi, cosa ci vedano di luminoso…). Se imparo a rispettare le scadenze per tutte le mie collaborazioni, giuro che pubblico un e-book!

Prima di iniziare qualsiasi ragionamento di natura economica sul Comune o le aziende municipalizzate sono convinto sia necessario fare chiarezza su un punto che sfugge a molti.

Una cosa che si coglie discutendo allo spritz con gli amici, origliando le ciacole in battello, leggendo gli interventi dei politici locali sul Gazzettino.

Pare sia ignoto l’ordine di grandezza cui si fa riferimento. Ci si indigna per consulenze da diecimila euro; si invocano risparmi sui costi per centomila; si propongono nuove entrate per un milione. Tutto con un tono che fa trasparire che uno solo di questi intervento potrebbe essere risolutivo per le sorti di Venezia. Leggi il seguito di questo post »

da oggi è nuovamente online il sito de iMille.

non più movimento politico come nei quattro anni passati, ma uno spazio aperto per chi pensa che la politica, sia una attività nobile attraverso la quale operare per la difesa e la promozione di interessi e valori.

un blog che non racconterà le cose per il gusto di farlo, ma per il gusto di cambiarle, e dove ogni tanto scriverò anch’io.

buona lettura!

si sente parlare tanto di riforma dell’istruzione, la gelmini è su tutti i giornali e su tutte le televisioni a tutte le ore (ma come farà il suo povero bimbo?); si sente parlare anche di tagli alla scuola, ma un po’ meno però.

si sente parlare molto meno degli effetti che questa riforma avrà sulle generazioni future di italiane. non si sente nulla, o quasi, sulle piccole scuole che chiudono, sulle materie che scompaiono, sulle classi di tempo pieno soppresse senza preavviso.

allora dico un bravi a quei genitori di bologna che hanno iniziato una vera campagna di sensibilizzazione dal basso; invadendo pacificamente gli autobus per raccontare la loro versione (quella che in TV non ci va) agli altri cittadini. bravi perché si rimboccano le maniche e inventano nuovi spazi di informazione, bravi perché non urlano ma spiegano. solo la conoscenza può far cambiare le cose.

hanno anche la pagina facebook. fatevela piacere.

ma questi, quella parola (libertà) che hanno nel nome del partito sanno cosa vuol dire?

dal, cosiddetto, decreto sicurezza:

test anti-droga
chi vorrà prendere la patente deve sottoporsi prima a un test antidroga.

mah, non mi risulta sia vietato prendere droghe. e visto che c’erano perché non mettere anche un controllo sull’assunzione di alcol. solo gli astemi dovrebbero guidare.

niente divieto sulle sigarette
una buona notizia per i fumatori, bocciata l’ipotesi di vietare di fumare a chi guida.

la lobby del tabacco è più forte di quella del prosecco. si vede che Zaia non è più ministro. Leggi il seguito di questo post »

clicka qui!

Tweet

Categorie

La barca estinta