You are currently browsing the monthly archive for giugno 2010.

dopo anni di balletti vendo non vendo, privatizzo ma forse è meglio chiudere, variamo una nuova flotta che sbaragli la concorrenza.

e dopo anni di servizio che definire pessimo è un complimento, finalmente si è arrivati alla conclusione della vicenda “tirrenia statale”. a giorni lo stato si libererà di quelle carrette dei mari; i marinai non si godranno più la brezza sul ponte a spese dei contribuenti; e magari noi poveri vacanzieri potremo affrontare il rischio di entrare nel ristorante di bordo.

si, magari. Leggi il seguito di questo post »

foto: Magico Venezia

Non sono un grande appassionato di calcio. Confesso che mi stavo godendo questo periodo in cui ci sono solo tornei parrocchiali estivi di cui non parla nessuno. Non sto a dirvi di quali e quanti siano i mali del calcio, di come sia lo specchio di un Paese alla frutta. Ce ne sono tanti che lo fanno meglio di me.

Però in questi giorni ci sarà un piccolo avvenimento che mi fa sperare in una inversione di tendenza. Almeno per quanto riguarda il calcio veneziano, ma si tratta di una cosa che interessa molte altre piazze calcistiche. Nascerà mercoledì Venezia United, la prima Public Company del calcio italiano. Almeno credo sia la prima. Leggi il seguito di questo post »


zeca baleiro

si sente parlare tanto di riforma dell’istruzione, la gelmini è su tutti i giornali e su tutte le televisioni a tutte le ore (ma come farà il suo povero bimbo?); si sente parlare anche di tagli alla scuola, ma un po’ meno però.

si sente parlare molto meno degli effetti che questa riforma avrà sulle generazioni future di italiane. non si sente nulla, o quasi, sulle piccole scuole che chiudono, sulle materie che scompaiono, sulle classi di tempo pieno soppresse senza preavviso.

allora dico un bravi a quei genitori di bologna che hanno iniziato una vera campagna di sensibilizzazione dal basso; invadendo pacificamente gli autobus per raccontare la loro versione (quella che in TV non ci va) agli altri cittadini. bravi perché si rimboccano le maniche e inventano nuovi spazi di informazione, bravi perché non urlano ma spiegano. solo la conoscenza può far cambiare le cose.

hanno anche la pagina facebook. fatevela piacere.

clicka qui!

Tweet

Categorie

La barca estinta